Tomografia elettrica

Le principali finalità di questa metodologia sono soprattutto nell'ambito di ricerche idrogeologiche, nel monitoraggio di manufatti interrati, quali ad esempio fognature, condotte idriche in genere, reperti archeologici e nella ricerca di cavità sotterranee naturali ed artificiali.

Questa tecnica d’indagine viene impiegata anche nell'ambito degli studi di dissesto idrogeologico, ad esempio nella delimitazione dei volumi di copertura potenzialmente mobilizzabili in caso di frane, ecc.
La tomografia elettrica è un metodo di acquisizione ed elaborazione che, sfruttandone le caratteristiche elettriche dei terreni e attraverso l’utilizzo di particolari software, restituisce rappresentazioni bidimensionali e tridimensionali del sottosuolo.

Questo sito utilizza cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. Proseguendo ne autorizzi il loro uso.